Vendere se stessi

Vendere se stessi

Come puoi farti apprezzare dagli altri? E come puoi farlo in pochi secondi? Ecco in breve la vera arte di vendere se stessi.



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

Le fonti di ispirazione di questo articolo sono le seguenti: questo articolo del Mirror che presenta il libro Instant Influence and Charisma di Paul McKenna e questo articolo sulla prima impressione del sito State of Mind, sito italiano di riferimento per ricerche in psicologia e neuroscienze.

Come ottenere ciò che vuoi nel mondo del lavoro secondo Paul McKenna

Nel suo libro, Paul McKenna parla di farsi piacere e influenzare in vari ambiti: famigliare, di coppia, sociale e sul lavoro. Qui mi piace parlare delle sue dritte da poter facilmente usare sul lavoro, ne ho individuate 3:

LA POSTURA APERTA E DECISA
Nel suo libro McKenna parte dal presupposto che dobbiamo prima lavorare sulla nostra gestione emotiva e qui ci propone trucchetti facili che partono dalla modificazione della nostra fisiologia. La postura aperta e decisa è quella di chi è tranquillo, contento perfino, spalle indietro, sorriso accennato, pronto a lavorare e a conquistare il mondo.

LA POSIZIONE GAMBE ALL’ARIA
E’ la classica posizione del capo, avere le gambe sulla scrivania permette di far defluire il sangue e di rilassare il collo sullo schienale della sedia. Rilassa il viso, sguardo in alto e allunga le braccia verso l’alto per poi incrociare le mani dietro la nuca: questo aiuta un facile e rilassante movimento di stretching. Il tutto va a favore di un rilassamento emotivo per prepararsi, per esempio, a un complicato e/o barboso meeting aziendale.


vendere se stessi
vendere se stessi
vendere se stessi

LA CAMMINATINA
Anche qui, per ossigenare, rinvigorire le cellule e la postura, farsi una camminatina prima di un incontro importante aiuta. Personalmente, più che in corridoio io preferirei fare due passi al vicino parchetto fuori se possibile… Ma ognuno ha ciò che ha a disposizione.

Come vendere se stessi

Scivolando in basso nell’articolo, e sorvolando sugli strumenti di gestione della propria emotività, dialogo interno e capacità di problem solving e ristrutturazione dei problemi, arrivo in basso a come influenzare gli altri in pochi secondi, come vendere se stessi in pochi istanti.

Vendere se stessi si fa sempre e ad ogni livello. Lo si fa in famiglia con il partner e i figli, lo si fa con le amiche, in consiglio di istituto a scuola, alla riunione di condominio… Figuriamoci se non si facesse in ambito lavorativo!

Vendere se stessi in 3 mosse:

  1. Attira la loro attenzione. Trova cosa ti piace di loro, suggerisce Paul McKenna, interessati e automaticamente diventerai interessante.
  2. Dopo che hai la loro attenzione risveglia sentimenti positivi in loro. Trova le loro passioni, gusti, fai domande, indaga e interessati.
  3. Ancora il tutto a te! Ecco come Paul McKenna suggerisce di fare: quando il tuo interlocutore è interessato a te e prova emozioni piacevoli per ciò di cui sta parlando, tu non devi fare altro che ancorarlo a te. Come toccandogli la spalla, sorridendogli o guardandolo per quel secondo in più negli occhi.

vendere se stessi
vendere se stessi
vendere se stessi

Ora, so che può non sembrare molto etico ma, se mi leggi sai che un’àncora se non ripetuta e rinforzata poi viene tendenzialmente persa. Dico “tendenzialmente persa” perché qui arriva una recente scoperta interessante e di cui si parla nell’articolo di State of Mind citato sopra.

Giudicare un libro dalla copertina…

Una recente scoperta del professor Gunaydin, presso la Bilkent University ad Ankara, in collaborazione con la Cornell University di New York, rivela come la prima impressione resti impressa (eheh) nelle persone più a lungo di quanto non si voglia o si pensi. Anche osservando una semplice fotografia della persona che poi si incontrerà in futuro. Pare che il primo giudizio espresso dinnanzi alla foto resti in qualche modo nel giudizio della persona anche quando la si incontra dal vivo.

Mettiamo tutto insieme: vendere se stessi e prima impressione.

Combinando le scoperte del professor Gunaydin con le 3 mosse suggerite da Paul McKenna, l’àncora che chi vende se stesso genera dopo aver evocato buoni sentimenti nell’interlocutore è destinata a durare anche dopo, anche in assenza e per mesi. Se questa scoperta si incontra con l’àncora di Paul McKenna significa che – come si legge nell’articolo – l’halo effect, cioè l’effetto di propagazione del primo giudizio (positivo nelle tre mosse di McKenna) si continui nel tempo verso il futuro e verso altri giudizi positivi nei confronti di chi ha ben venduto se stesso.

Secondo Gunaydin sembra proprio che le persone tendano a essere conservative quando si tratta di giudizi, un giudizio espresso è un giudizio mantenuto. Pertanto mi pare di capire che una buona prima impressione, una buona “vendita di se stessi” può garantirci di tirare il fiato e vivere di rendita almeno per un po’ e sempre che non facciamo qualche pasticcio che risvegli l’altro dalla sua scorciatoia di giudizio.

Libri consigliati nell’articolo


  • Instant Influence and Charisma – Paul MacKenna

    Paul McKenna has sold more than 10 million books in 32 countries and has spent the last 20 years researching human influence: what makes people do things and the secrets of charisma and likeability. He has created a formula, an easy to learn…





Ciao, sono Debora, sperò che questo articolo “Vendere se stessi” ti sia piacito. Se hai una domanda sull’argomento lasciami un commento e sarò molto felice di risponderti. Per approfondire puoi guardare anche il video, qui sotto, di presentazione del metodo Strumenti di Coaching. Ciao, grazie e a presto!

Lavora oggi su cosa dire e come parlare. Usa le visualizzazioni, conosci la mente del tuo interlocutore, aiutalo al meglio. Ti seguirò passo passo anche nel gruppo di supporto incluso. Puoi iniziare adesso con la formazione online “Strumenti di Coaching” e la formazione online “L’arte di Visualizzare“.















Articoli più letti…


Visualizzazione di fine seminario con il Milton Model Visualizzazione di fine seminario con il Milton Model
Questo e altri articoli fanno parte di una sezione “Visualizzazioni” che include i miei script e quelli di chi legge il mio ebook Stai Calmo e usa il Milton Model sapientemente. Riportiamo qui le nostre idee di Milton Model applicato a scopi…

Milton Model SVELATO Milton Model SVELATO
Ecco un paragrafo che utilizza il Milton Model e che un coach di PNL potrebbe benissimo usare in una delle visualizzazioni da proporre al cliente per consolidare il lavoro svolto durante l’incontro: Io so che hai iniziato ad accedere a nuovi…

6 tipici problemi nei team di lavoro 6 tipici problemi nei team di lavoro
In un team di lavoro ci sono persone e gruppi, con personalità e obiettivi personali… tensioni e prevaricazioni, silenzi e rallentamenti nei lavori. Qui individuo sei domande che rispecchiano tipici problemi nei team. Di che problema si tratta? Ti…





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *