Tre caratteristiche essenziali delle VISUALIZZAZIONI

Il coach di PNL che vuole integrare le visualizzazioni tra i suoi strumenti deve conoscere le 10 caratteristiche essenziali delle visualizzazioni.



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


Innanzitutto, cos’è una visualizzazione? È quella immaginazione di un proposito, un obiettivo, di quella versione della realtà che vogliamo diventi vera… È la conclusione di un incontro di coaching, è il trasferimento del lavoro svolto insieme al cliente a livello conscio, ad un livello più profondo, emotivo e duraturo.

Le visualizzazioni devono rispettare le seguenti tre caratteristiche tra 10 essenziali:



1 LE VISUALIZZAZIONI DEVONO ESSERE ESPRESSE IN POSITIVO
Mi pare chiaro. Non puoi fargli visualizzare la cosa che non vuole più fare, dire, pensare e poi negarla! Non esiste, e sono certa che questo punto sia per te molto chiaro, essendo una delle basi di tutto il coaching e tutti i tipi di comuicazione persuasiva. Quelle persone che si dicono: “non voglio più arrabbiarmi”, “non voglio più abbuffarmi”, “non voglio più sentirmi male dopo che lo vedo”, “non voglio più fumare”, in realtà non capiscono che il messaggio è compreso, sì, a livello consciente, ma l’efficacia lascia veramente il tempo che trova…

La loro mente inconscia ha capito invece tutto il contrario. Lo ripeto, per tuo beneficio e per i tuoi clienti, non puoi dire di non fare qualcosa, soprattutto in una visualizzazione, il cliente, o meglio la sua mente inconscia, non avrà capito un bel niente. O peggio, avrà rinforzato il contrario!

2 LE VISUALIZZAZIONI DEVONO ESSERE COERENTI
Cosa significa coerenza in PNL? La struttura interna in ogni azione che adempiamo si compone di cosa vediamo con gli occhi interni (che può o non può corrispondere a ciò che vediamo con gli occhi esterni), di ciò che ci diciamo con le orecchie interne, di ciò che proviamo mentre agiamo o, nel nostro caso, mentre visualizziamo.

Se, cioè, voglio che il mio cliente sia sicuro davanti a una platea, devo assolutamente accertarmi e correggere, preliminarmente, e poi suggerire, durante la visualizzazione, coerenza interna: ciò che vede, sente e prova (V A K in PNL) devono andare nella stessa direzione.

3 LE VISUALIZZAZIONI DEVONO CONTENERE IL PROBLEMA E RISOLVERLO
Le favole perfette non esistono. La struttura della favola contiene il problema e l’eroe che lo supera. Idem per le visualizzazioni. Se per smettere di fumare, la cliente si vedesse gestire i momenti di stress (che prima la portavano a fumare) sarebbe poco realistico…

Se il cliente che ha la paura del palcoscenico, si vedesse perfettamente a suo agio senza includere la tensione che sale, non saprebbe come fare nel momento in cui questa emozione si propone… Non sarebbe realistico neanche questo scenario. La tua visualizzazione deve rispecchiare le difficoltà della realtà. Insomma, devi fare un po’ l’avvocato del diavolo.

Nell’audio corso “Il linguaggio ipnotico delle visualizzazioni“, vengono approfondite queste tre caratteristiche delle visualizzazioni e studiate le altre sette. Le visualizzazioni sono lo strumento che il coach di PNL deve padroneggiare se vuole passare a un livello di efficacia maggiore per i suoi incontri di coaching.














Lavora oggi su cosa dire e come parlare. Usa le visualizzazioni, conosci la mente del tuo interlocutore, aiutalo al meglio. Ti seguirò passo passo anche nel gruppo di supporto incluso. Puoi iniziare adesso con la formazione online “Strumenti di Coaching” e la formazione online “L’arte di Visualizzare“.





Intelligenza emozionale sociale: come crescere tuo figlio nel mondo
Dimagrire “bene”: massa magra, massa grassa e metabolismo
Come rendere veri i buoni propositi
Il decalogo del Bravo Coach
Tuo figlio è un
In forma questa estate
Tre errori da evitare per coltivare la tua Intelligenza Emotiva
Relazioni tra colleghi: 7 strategie per gestire i giudizi altrui
Genitori single: difficoltà e rinascite
AMARSI E DIMAGRIRE, davanti allo specchio e per sempre
Tre errori emotivi nei rapporti di coppia
Ebook per le visualizzazioni con il Milton Model

Potrebbe piacerti anche…

6 tipici problemi nei team di lavoro In un team di lavoro ci sono persone e gruppi, con personalità e obiettivi personali... tensioni e prevaricazioni, silenzi e rallentamenti nei lavori. Qui individuo sei domande che rispecchiano tipici problemi nei team. Di che problema si tratta? Ti...
Intelligenza emotiva per i Manager Sull'onda dell'intelligenza emotiva di Daniel Goleman, Anthony Mersino concentra l'argomento sui Project Managers. Ecco perché se sei manager d'azienda devi necessariamente tenerne conto. Le origini dell'Intelligenza Emotiva: Daniel Goleman Ero in...
Curare una fobia con la PNL Fin dai primi tempi della PNL, curare una fobia è stato un forte aspetto di dibattito e dimostrazioni. Richard Bandler stesso, negli anni settanta, aveva pubblicato un annuncio sui giornali per reclutare gatuitamente persone con fobie disposte a provare...
Perché un cliente non riesce a motivarsi? Quali sono le ragioni per cui un cliente NON si motiva abbastanza? Capita a tutti i coach di seguire persone vogliose e volenterose ma… c’è quel ma che le frena. Vediamo insieme quali possono essere gli ostacoli al motivarsi per raggiungere ciò che...
Ebook per le visualizzazioni con il Milton Model Ecco un ebook per le visualizzazioni che spiega il Milton Model utilizzando i 19 Pattern usati dallo psichiatra e psicoterapeuta Milton Erickson. Nel libro originale “Patterns of Hypnotic Techniques of Milton Erickson” (in italiano “I modelli...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *