Risolvere problemi con l’imperfetto

Cosa succede se il tuo cliente continua a parlare al presente del suo problema? Come posso fargli capire che cambiando il modo di parlare può già risolvere i problemi?



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


Spesso, anzi, spessissimo mi capitano clienti che parlano al presente del loro problema. Per risolvere i problemi invece è fondamentale che noi li aiutiamo sin da subito a parlarne al PASSATO.

Ma come Debora? E’ chiaro che ne parlino al presente se sono problemi presenti, no? Lo capisco, ed è logico, MA è sbagliato per risolvere i problemi.

Una delle indicazioni che io do subito ai miei clienti è quello di parlare al passato di ciò che ERA, anche se l’ultima volta risale a cinque minuti fa!

“Mi blocco” diventa “Mi bloccAVO”.

“Mi odio per questo” diventa “Mi odiAVO” per questo, e poi posso procedere con le ristrutturazioni (guardati il video sui paroloni e il potere delle parole dei clienti).

Come Morgan Freeman fa capire a Jim Carrey che tutti i ricordi sono in un cassettone, anche noi coach vogliamo far capire ai nostri clienti che se continua a vivere EMOTIVAMENTE (cioè a livello di sistema nervoso) una situazione nel presente, questa sarà sempre considerata “presente” per il suo ippocampo.

Quando suggeriamo al nostro cliente di usare il tempo indicativo imperfetto, gli suggeriamo che ERA, è finita, ora è diverso… E presupponiamo tutta una serie di possibilità.

EVO – AVO – IVO sono le prime correzioni che vogliamo chiedere ai nostri clienti per far sì che possano risolvere i problemi presto e efficacemente.

Scopri invece il caso opposto: in quest’altro articolo scopri cosa fare quando il cliente è bloccato nel passato.

















Potrebbe piacerti anche…

Un collaboratore egocentrico: cosa fare anche se bravo? – Podcast Cosa fare con un collaboratore egocentrico? In questo articolo e podcast parlo con un manager che deve gestire lei: la professionista che tutti vogliono e che tanti odiano. Cosa fare? È brava, pure bravissima, ma parla sempre e solo di sé: nel bene e...
Onde cerebrali nelle visualizzazioni Cosa vuol dire avere uno stato alterato di coscienza a livello di onde cerebrali? Perché se tesi o nervosi il nostro cervello ha fequenze diverse di quando siamo rilassati o addormentati? Cosa succede nella testa? Su che tipo di programma radio ci...
Perché un cliente non riesce a motivarsi? Quali sono le ragioni per cui un cliente NON si motiva abbastanza? Capita a tutti i coach di seguire persone vogliose e volenterose ma… c’è quel ma che le frena. Vediamo insieme quali possono essere gli ostacoli al motivarsi per raggiungere ciò che...
Una frase rassicurante per le induzioni Ecco un esempio divertente di Milton Model e demagogia. Nel video descrivo e mostro l’uso del linguaggio vago per motivare il pubblico di Toni Servillo, futuro (falso) Premier nel film “Viva la libertà”. La storia è questa… Nel film “Viva la...
Come fare una critica costruttiva Non ti piace qualcosa detta o fatta da qualcuno ed è tuo dovere dirglielo, per il bene dell'azienda o glielo vuoi dire per aiutarlo a migliorarsi? Ecco consigli praticissimi per imparare a dare una critica costruttiva. La critica del panino o Sandwich...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *