Onde cerebrali nelle VISUALIZZAZIONI

Onde cerebrali nelle VISUALIZZAZIONI

Cosa vuol dire avere uno stato alterato di coscienza a livello di onde cerebrali ? Perché se tesi o nervosi il nostro cervello ha fequenze diverse di quando siamo rilassati o addormentati? Cosa succede nella testa?



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


Su che tipo di programma radio ci sintonizziamo nei vari momenti della giornata e come possiamo sfruttare questo nostro naturale funzionamento elettromagnetico?

Le onde cerebrali sono così suddivise:

  • Onde Delta : sono caratterizzate da una frequenza che va da 0,1 a 3.9 hertz. Sono le onde che caratterizzano gli stadi di sonno profondo.
  • Onde Theta : vanno dai 4 ai 7.9 hertz, caratterizzano gli stadi 1 e 2 del sonno REM.
  • Onde Alfa : vanno da una frequenza che va dagli 8 ai 13.9 hertz, sono tipiche della veglia ad occhi chiusi e degli istanti precedenti l’addormentamento. Cito da Wikipedia: Una delle caratteristiche delle onde alfa è la loro configurazione regolare e sincronizzata. Gli esperimenti condotti registrando le onde cerebrali di monaci Zen in meditazione hanno dimostrato che tale pratica dà luogo a un’emissione consistente di onde alfa
  • Onde Beta : vanno dai 14 ai 30 hertz, si registrano in un soggetto cosciente.
  • Onde Gamma : vanno dai 30 ai 42 hertz, caratterizzano gli stati di particolare attenzione, creatività, ma anche di tensione.

Durante una visualizzazione, le onde Alpha predominano, fino a raggiungere la frequenza in onde Theta, tipiche delle ipnosi profonde e degli stati di sonno Rem.

Se durante il sonno questa fase è gestita dal riordino dei sogni, durante una visualizzazione guidata – da te coach al tuo cliente – i cambiamenti avvengono in maniera profonda, proprio perché la frequenza cerebrale consente di accedere a livelli di riordino di comportamenti, atteggiamenti e coerenza interna, normalmente gestiti inconsciamente.

Ecco il grande vantaggio dell’uso di una visualizzazione in una sessione di coaching, non si resta ad un livello cosciente, sicuramente efficace: per comprensione, ragionamento e problem solving… ma in profondità – in fase di rilassamento – il cambiamento è diverso. È come se fosse gestito da un’altra persona, che le sa tutte, che vede le cose in modo più semplice, che ci arriva prima di noi, prima delle nostre critiche e barriere.



Ciao, sono Debora, sperò che questo articolo “Onde cerebrali nelle VISUALIZZAZIONI” ti sia piacito. Se hai una domanda sull’argomento lasciami un commento e sarò molto felice di risponderti. Per approfondire puoi guardare anche il video, qui sotto, di presentazione del metodo Strumenti di Coaching. Ciao, grazie e a presto!

Lavora oggi su cosa dire e come parlare. Usa le visualizzazioni, conosci la mente del tuo interlocutore, aiutalo al meglio. Ti seguirò passo passo anche nel gruppo di supporto incluso. Puoi iniziare adesso con la formazione online “Strumenti di Coaching” e la formazione online “L’arte di Visualizzare“.















Articoli più letti…


Relazioni tra colleghi: 7 strategie per gestire i giudizi altrui Relazioni tra colleghi: 7 strategie per gestire i giudizi altrui
Se in ufficio le relazioni tra colleghi sono difficili, eccoti 7 strategie da applicare per non dipendere dal giudizio del collega o del capufficio. Ore 18:00, il capo disse «Cos’è, oggi fai mezza giornata?» Sì, ammetto, capitava a me e mi dava…

Visualizzazione di fine seminario con il Milton Model Visualizzazione di fine seminario con il Milton Model
Questo e altri articoli fanno parte di una sezione “Visualizzazioni” che include i miei script e quelli di chi legge il mio ebook Stai Calmo e usa il Milton Model sapientemente. Riportiamo qui le nostre idee di Milton Model applicato a scopi…

Maslow, bisogni e il tuo interlocutore Maslow, bisogni e il tuo interlocutore
Perché conoscere i bisogni emotivi del tuo interlocutore è così importante? e come la Piramide dei Bisogni di Abraham Maslow può aiutarci in tutto questo? Vediamo insieme il bisogno di importanza e il bisogno di appartenenza di Maslow e paragoniamolo…





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *