Onde cerebrali nelle visualizzazioni

Cosa vuol dire avere uno stato alterato di coscienza a livello di onde cerebrali? Perché se tesi o nervosi il nostro cervello ha fequenze diverse di quando siamo rilassati o addormentati? Cosa succede nella testa?



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


Su che tipo di programma radio ci sintonizziamo nei vari momenti della giornata e come possiamo sfruttare questo nostro naturale funzionamento elettromagnetico?

Le onde cerebrali sono così suddivise:

  • Onde Delta: sono caratterizzate da una frequenza che va da 0,1 a 3.9 hertz. Sono le onde che caratterizzano gli stadi di sonno profondo.
  • Onde Theta: vanno dai 4 ai 7.9 hertz, caratterizzano gli stadi 1 e 2 del sonno REM.
  • Onde Alfa: vanno da una frequenza che va dagli 8 ai 13.9 hertz, sono tipiche della veglia ad occhi chiusi e degli istanti precedenti l’addormentamento. Cito da Wikipedia: Una delle caratteristiche delle onde alfa è la loro configurazione regolare e sincronizzata. Gli esperimenti condotti registrando le onde cerebrali di monaci Zen in meditazione hanno dimostrato che tale pratica dà luogo a un’emissione consistente di onde alfa
  • Onde Beta: vanno dai 14 ai 30 hertz, si registrano in un soggetto cosciente.
  • Onde Gamma: vanno dai 30 ai 42 hertz, caratterizzano gli stati di particolare attenzione, creatività, ma anche di tensione.

Durante una visualizzazione, le onde Alpha predominano, fino a raggiungere la frequenza in onde Theta, tipiche delle ipnosi profonde e degli stati di sonno Rem.

Se durante il sonno questa fase è gestita dal riordino dei sogni, durante una visualizzazione guidata – da te coach al tuo cliente – i cambiamenti avvengono in maniera profonda, proprio perché la frequenza cerebrale consente di accedere a livelli di riordino di comportamenti, atteggiamenti e coerenza interna, normalmente gestiti inconsciamente.

Ecco il grande vantaggio dell’uso di una visualizzazione in una sessione di coaching, non si resta ad un livello cosciente, sicuramente efficace: per comprensione, ragionamento e problem solving… ma in profondità – in fase di rilassamento – il cambiamento è diverso. È come se fosse gestito da un’altra persona, che le sa tutte, che vede le cose in modo più semplice, che ci arriva prima di noi, prima delle nostre critiche e barriere.

















Potrebbe piacerti anche…

Relazioni tra colleghi: 7 strategie per gestire i giudizi altrui Se in ufficio le relazioni tra colleghi sono difficili, eccoti 7 strategie da applicare per non dipendere dal giudizio del collega o del capufficio. Ore 18:00, il capo disse «Cos’è, oggi fai mezza giornata?» Sì, ammetto, capitava a me e mi dava...
Angela, Lifestyle & Business Coach si racconta Intervisto Angela Santi, frizzante Business Coach e amica. Angela è una coach da curare a distanza perché – anche lei (e questa pare essere una chiave distintiva di tutti i coach che funzionano!) – non smette mai di formarsi! Formarsi però nella...
L’inoculation del fiorista – Podcast “Inoculation” non è una parolaccia, è un concetto di comunicazione condiviso in Programmazione Neuro Linguistica (PNL) e che riprende il concetto di vaccinazione. È una vaccinazione contro le obiezioni del cliente, le anticipa per smontarle al...
Il Meta Modello in ebook per coach Da “La Struttura della Magia” alle Domande Utili da rivolgere ai propri coachee, ecco un ebook che ho scritto con passione (e sudore). Mai avrei pensato di scrivere del Meta modello, e invece… E invece, ho trovato un buon modo per “digerirlo”...
Giovanna, coach racconta di come aiuta i suoi clienti Intervisto la brava coach Giovanna Danesi e mi racconta come aiuta lei i suoi clienti. Ha un modo molto rassicurante e saggio oserei dire. Giovanna ti mette a suo agio e guida. L’intervista nasce per un desiderio di indagine: cosa fanno i coach...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *