Coach sul lavoro o lavoro di coaching?

Coach sul lavoro o lavoro di coaching?

Chi è un coach sul lavoro? Una figura scelta all’interno dell’organico, formata appositamente, o un esperto dall’esterno ? Il manager può essere un coach su richiesta, per appuntamento o in modo amichevole e conversazionale. Il leader avrà sicuramente doti da coach. Il consulente esterno ha il vantaggio della neutralità.



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

Il coach in azienda è una figura sempre più richiesta. La serie televisiva “Billions” con il fantastico (antagonista) Chuck Rhoades ne ha una in azienda. È presente, ascolta, propone, chiede. È una figura che cresce e diventa sempre più influente. Mantiene la sua etica e aiuta i trader in empasse a ritornare a essere performanti.

Il o la coach in azienda ascolta per poi proporre. Il o la coach sul lavoro è una guida nei momenti di stress per crisi sul lavoro, per tensioni tra colleghi, tra reparti, con fornitori o clienti. Vediamo vantaggi e svantaggi di un coach dall’interno o dall’esterno:

Coach interno. Il presupposto è che non sia improvvisato ma che abbia seguito una formazione con vari corsi e ottenuto la qualifica di coach professionista. Il vantaggio del coach all’interno dell’organico è che conosce le dinamiche, le falle, le persone. Può essere empatico perché conosce effettivamente i problemi interni. Gli svantaggi sono plurimi tuttavia: di farsi influenzare dalla propria visione, di non essere credibile, di avere delle preferenze, di avere dei pregiudizi…

Coach dall’esterno. È una figura neutra e all’inizio è vista necessariamente con diffidenza, con distacco. Si teme di aprirsi troppo e che poi la direzione ne tenga conto. Il coach dall’esterno ha bisogno di più tempo per capire le dinamiche, i problemi di gestione, di processo, relazionali e personali. Tuttavia, se il coach dall’esterno si muove bene con strumenti di indagine corretti e con il giusto ascolto letterale, potrà diventare una figura di fiducia per un profondo lavoro di restauro o cambiamento.


coach lavoro coaching
coach lavoro coaching
coach lavoro coaching



Ciao, sono Debora, sperò che questo articolo “Coach sul lavoro o lavoro di coaching?” ti sia piacito. Se hai una domanda sull’argomento lasciami un commento e sarò molto felice di risponderti. Per approfondire puoi guardare anche il video, qui sotto, di presentazione del metodo Strumenti di Coaching. Ciao, grazie e a presto!

Lavora oggi su cosa dire e come parlare. Usa le visualizzazioni, conosci la mente del tuo interlocutore, aiutalo al meglio. Ti seguirò passo passo anche nel gruppo di supporto incluso. Puoi iniziare adesso con la formazione online “Strumenti di Coaching” e la formazione online “L’arte di Visualizzare“.















Articoli più letti…


Relazioni tra colleghi: 7 strategie per gestire i giudizi altrui Relazioni tra colleghi: 7 strategie per gestire i giudizi altrui
Se in ufficio le relazioni tra colleghi sono difficili, eccoti 7 strategie da applicare per non dipendere dal giudizio del collega o del capufficio. Ore 18:00, il capo disse «Cos’è, oggi fai mezza giornata?» Sì, ammetto, capitava a me e mi dava…

6 tipici problemi nei team di lavoro 6 tipici problemi nei team di lavoro
In un team di lavoro ci sono persone e gruppi, con personalità e obiettivi personali… tensioni e prevaricazioni, silenzi e rallentamenti nei lavori. Qui individuo sei domande che rispecchiano tipici problemi nei team. Di che problema si tratta? Ti…

4 passaggi per fare le domande giuste al cliente 4 passaggi per fare le domande giuste al cliente
L’arte del coach (che tu lo sia di professione o che tu lo diventi per dare assistenza a un cliente o a un collega) è quella di porre le domande giuste. Il bravo coach ascolta e non interpreta, non suggerisce, lui o lei fa molte domande utili per…





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *