Ciao, ti disturbo? Non va bene!

Ciao, ti disturbo? Non va bene!

In questo articolo e podcast ti parlo di frasi al negativo e stati d’animi non funzionali. L’esempio che ti presento è la classica frase introduttiva alle chiamate telefoniche, il “Ti disturbo?” Vediamo perché è sbagliata, soprattutto sul lavoro, e come fare altrimenti.



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

Lo so, a volte con amici mi capita. Ma quando parlo con amici trainer o con clienti aziendali o privati, mi guardo bene dal dire questa brutta frase: «Ciao, ti disturbo?»

Il «Ti disturbo?» non va bene perché:

  1. Mette la pulce nell’orecchio al mio interlocutore, “Be’, sì, in effetti, mi disturba questa persona…”
  2. Sminuisce la mia chiamata, o peggio, la mia persona
  3. E poi inizio la mia conversazione generando uno stato emotivo di difetto e di fastidio.

Cosa è meglio dire allora? Parliamo IN POSITIVO. Chiediamo, per essere cortesi, e poi andiamo dritti al punto. Quindi, io suggerirei innanzitutto di prendere un appuntamento quando si tratta di lavoro, così bypassiamo la sorpresa.



Fai volare il tuo stile di coaching » Strumenti di Coaching » Debora Conti
Fai volare il tuo stile di coaching » Strumenti di Coaching » Debora Conti
Fai volare il tuo stile di coaching » Strumenti di Coaching  » Debora Conti
FAI VOLARE IL TUO STILE DI COACHING

Sei un coach di prima leva e vuoi crescere in fretta scoprendo i miei trucchi e anche come mi sono rialzata da vari errori? Sei un coach esperto e vuoi ampliare il tuo stile di coaching? Sei un manager e vuoi gestire il tuo team, individualmente o in gruppo? Devi gestire clienti insoddisfatti e che non si sentono valorizzati? Scopri cosa ho preparato per te! » Offerta in corso » TUA per 60€ anziché 97€

Clicca qui



Se proprio non è stato possibile, potrei:

  1. Ignorare la domanda e passare al punto chiave, espresso in modo diretto, breve e in positivo, poi se l’altro non potrà restare al telefono me lo dirà. O avrà a priori evitato di rispondere alla chiamata,
  2. Usare una formula in positivo, del tipo: «Ciao, è un buon momento?». Qui presuppongo che il momento potrebbe essere buono, non creo un clima di difetto, anzi, mi associo – a livello d’identità – al buon momento menzionato.

Comunque, devo dire che io per lavoro chiamo veramente poco fuori appuntamento. In caso dovesse capitare, potresti dire «Ciao, ti chiamo per XYZ, possiamo parlarne adesso?»oppure «Ciao, è un buon momento? Ti chiamo per…»



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!

Ciao, sono Debora, sperò che questo articolo “Ciao, ti disturbo? Non va bene!” ti sia piacito. Se hai una domanda sull’argomento lasciami un commento e sarò molto felice di risponderti. Per approfondire puoi guardare anche il video di presentazione., di presentazione del metodo Strumenti di Coaching. Ciao, grazie e a presto!



Quanto è stato utile questo post?

Clicca su una stella per votarlo!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Visto che hai trovato utile questo post...

Seguici sui social media!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *