2 segreti sui bisogni individuali in ufficio

Ogni collega, ogni dipendente, ogni manager e ogni dirigente entra in azienda con due bisogni individuali da voler soddisfare. Aiuta i tuoi colleghi a soddisfarli e il clima in ufficio sarà più sereno.



TI È PIACIUTO QUESTO ARTICOLO, CONDIVIDILO CON I TUOI AMICI!


Appartenenza e distinzione

Socialmente, ognuno di noi ad ogni età desidera soddisfare SOLO questi due bisogni. Secondo Alfred Adler, Montessori e molti altri studiosi del secolo scorso, i due bisogni sociali da perseguire e voler soddisfare sono proprio questi due: BELONGING & SIGNIFICANCE, cioè appartenenza e distinzione.

Spieghiamoli meglio:

Il bambino desidera appartenere al nucleo famigliare e al tempo stesso desidera che il nucleo famigliare riconosca il suo apporto distintivo alla famiglia stessa. Quando porta i bicchieri a tavola si sente appartenere e sa di portare il suo apporto al momento famigliare. RICONOSCERE questa sua distinzione lo farà sentire fiero e accrescerà la stima di sé.

La suocera che prepara il pranzo della domenica soddisfa il suo bisogno di appartenenza ricevendo figli e partner a casa. Soddisfa il proprio bisogno di distinzione all’interno del nucleo famigliare quando i famigliari le riconoscono la qualità delle lasagne. Avere a casa propria figli e nipoti e sentirsi dire «Che buone le tue lasagne» la fa sentire amata e apprezzata.

Arriviamo al collega d’ufficio.

Il collega vuole sentirsi parte del gruppo aziendale, vuole che si condividano i valori aziendali e che si investa tempo su questo. Vuole anche avere la possibilità di dare il suo contributo. E – IMPORTANTE – vuole che il suo contributo venga riconosciuto. Bastano un semplice «Grazie» o un «Bravo, bella mossa» e un «Complimenti!».

Crescita personale e autorealizzazione

Maslow poi parla di bisogni individuali che il singolo può e vuole soddisfare. Tutti noi cerchiamo di soddisfare il nostro bisogno di crescita e autorealizzazione.

Ci dividiamo però in due gruppi:

  • Chi vuole soddisfare il bisogno di crescere in azienda
  • E chi preferisce ricercare la propria crescita nella sfera personale, fuori dalle ore lavorative.

Moltissimi di noi riescono a lavorare in ufficio come dipendenti senza mire carrieristiche ed è lodevole. Eseguono il proprio lavoro, si conformano ai valori aziendali e poi, dalle 17:00 in poi sanno già come poter soddisfare il proprio bisogno di crescita personale nel privato, magari in famiglia o in palestra o nel sociale…

Altri di noi, invece, perseguono la carriera e vogliono soddisfare il proprio bisogno di autorealizzazione in ufficio, crescendo all’interno dell’azienda. I manager che vogliono gestire questo tipo di dipendente vorranno sfruttare le sue energie facendo coincidere i SUOI bisogni (di lui) con i valori aziendali.

2 segreti sui bisogni individuali

Concludiamo, ecco i due segreti da sapere sui bisogni individuali in ufficio:

  1.  Aiutare gli altri (dipendenti, capi, colleghi) a soddisfare i propri bisogni sociali (appartenenza e distinzione).
  2. Aiutare i dipendenti ambiziosi a crescere FACENDO coincidere la sua energia con i valori aziendali.

Per approfondire l’argomento RELAZIONI SOCIALI tra colleghi, potresti trovare interessante l’articolo sulle 7 strategie per gestire i giudizi altrui e come gestire un collega impertinente.



LAVORA OGGI SU COSA DIRE E COME PARLARE.
Usa le visualizzazioni, conosci la mente del tuo interlocutore, aiutalo al meglio. Ti seguirò passo passo anche nel gruppo di supporto incluso. Puoi iniziare adesso con la formazione online “Strumenti di Coaching” e la formazione online “L’arte di Visualizzare“.





Potrebbe piacerti anche…

Onde cerebrali nelle visualizzazioni Cosa vuol dire avere uno stato alterato di coscienza a livello di onde cerebrali? Perché se tesi o nervosi il nostro cervello ha fequenze diverse di quando siamo rilassati o addormentati? Cosa succede nella testa? Su che tipo di programma radio ci...
Vendere se stessi Come puoi farti apprezzare dagli altri? E come puoi farlo in pochi secondi? Ecco in breve la vera arte di vendere se stessi. Le fonti di ispirazione di questo articolo sono le seguenti: questo articolo del Mirror che presenta il libro Instant Influence...
Il Personal Trainer che fa anche il Mental Coach Cosa fa un Personal Trainer quando prepara “la scheda” al cliente? Chiede? Indaga? Ha una mappa completa? Aiuta il cliente a capire meglio ciò che vuole? I suoi limiti? Il suo potenziale? Vediamo un’intervista tipo. Non dirmi, chiedimi La...
Come fare una critica costruttiva Non ti piace qualcosa detta o fatta da qualcuno ed è tuo dovere dirglielo, per il bene dell'azienda o glielo vuoi dire per aiutarlo a migliorarsi? Ecco consigli praticissimi per imparare a dare una critica costruttiva. La critica del panino o Sandwich...
Visualizzazioni per coach: la difficoltà Questo e altri articoli fanno parte di una sezione “Visualizzazioni per coach” che include i miei script e quelli di chi legge il mio ebook Stai Calmo e usa il Milton Model sapientemente. Riportiamo qui le nostre idee di Milton Model applicato a...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *